fbpx

Con il Tesseramento ed il suo rinnovo, gli Atleti aderiscono ai Regolamenti Antidoping Nazionali dichiarando la conoscenza e l’accettazione delle norme in essi contenute ed assumono l’obbligo di sottoporsi al controllo antidoping. Qualsiasi inosservanza, da parte degli Atleti, delle modalità regolamentari, così come il rifiuto o l’elusione del prelievo ovvero l’effettuazione dello stesso in maniera non conforme alle norme procedurali, sono sanzionati secondo quanto previsto dal presente Regolamento; allo stesso modo, è punito ogni tentativo di alterare con qualsiasi mezzo i risultati delle analisi.

Nei confronti del Tesserato alla LEGA Biliardo che convocato dall’Ufficio di Procura Antidoping per l’assunzione d’informazioni o per la contestazione dell’addebito, non si presenti senza giustificato motivo, si applica la sanzione della sospensione per un periodo da 1a 6 mesi. Tale sanzione viene proposta dall’Ufficio di Procura Antidoping alla Commissione Giudicante Nazionale e si cumula con le sanzioni eventualmente irrogate all’esito definitivo del procedimento disciplinare.

All’esito delle indagini, la sanzione sarà ridotta da un minimo di un terzo ad un massimo di due terzi a favore dell’Atleta che, su richiesta dell’Ufficio di Procura Antidoping, abbia fornito una collaborazione determinante per l’accertamento delle responsabilità connesse alla vicenda di doping oggetto d’indagine.

È facoltà della LEGA Biliardo prevedere, per i casi di positività al doping, l’applicazione di sanzioni più gravi di quelle enunciate al successivo articolo 16 del presente Regolamento, in coerenza con quanto eventualmente stabilito, in materia di sanzioni antidoping, dalla LEGA Biliardo.

Le sanzioni indicate al successivo art. 15 sono applicate nella misura ivi prevista anche a coloro che, designati a sottoporsi al controllo antidoping, lo abbiano volontariamente eluso.

Nei casi di ripetute violazioni delle norme antidoping, alle società di appartenenza dei Tesserati responsabili di fatti di antidoping, sono applicate le sanzioni stabilite dai Regolamenti Nazionali, per i casi di violazione dei principi di lealtà e di correttezza sportiva.

Definito il procedimento disciplinare, il Segretario Generale provvede, con la massima tempestività, ad informare ufficialmente l’U.C.A.A. sui provvedimenti adottati, trasmettendone la relativa documentazione.

È fatta salva la facoltà delle parti di ricorrere al TAS (Tribunale Arbitrale dello Sport) una volta completato il procedimento di competenza degli Organi Nazionali.

Le sanzioni adottate della LEGA Biliardo sono efficaci nei confronti di tutte le Federazioni Sportive Nazionali, agli Enti di Promozione Sportiva ed alle Discipline Associate. L’U.C.A.A. provvede a dare comunicazione alle F.S.N., agli Enti di Promozione Sportiva ed alle Discipline Associate dei provvedimenti disciplinari adottati dalle medesime in materia di doping.

L’illecito sportivo connesso all’uso di sostanze o metodi dopanti si prescrive in cinque anni dal giorno in cui il fatto si è verificato.

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Style switcher RESET
Body styles
Color scheme
Background pattern
Background image